La Rivoluzione Americana

Le 13 colonie inglesi d’America

  • Quando nacquero le colonie inglesi d’America?

Tra il 1607 e il 1750 gli inglesi fondarono le 13 colonie lungo la costa Atlantica dell’America settentrionale.

  • Perché si erano formate queste colonie?

Queste colonie si erano formate non per iniziativa dei sovrani, ma delle compagnie commerciali, degli avventurieri in cerca di fortuna e dei gruppi religiosi perseguitati in patria. Tra questi ultimi, i famosi Padri Pellegrini Fondatori, approdati sulla Mayflower nel 1620, diedero origine alla festa del Ringraziamento per il buon raccolto che si festeggia ogni anno l’ultimo giovedì di novembre con il tradizionale tacchino ripieno.

  • Da chi erano abitate le colonie?

In queste colonie vivevano più di 2 milioni e mezzo di persone la cui maggioranza erano europei in prevalenza inglesi, schiavi neri (20%) e nativi americani (popolazioni che abitavano il continente prima della colonizzazione europea).

  • Quali erano e come erano divise le colonie?

Le 13 colonie erano divise per economia popolazione e mentalità :

Sud:  Virginia, Maryland, Carolina del Nord, Carolina del Sud, la Georgia.

Centro:  New York, New Jersey, Pennsylvania , Delaware.

Nord:  Massachussetts, Connecticut, New Hampshire e Rhode Island.

  • Quali differenze contraddistinguevano le 13 colonie?
  • Popolazione:

Le colonie del nord erano abitate in prevalenza da inglesi di religione puritana, quelle del centro non solo da inglesi, ma anche da tedeschi, olandesi scozzesi e irlandesi, quelle del sud per lo più da inglesi anglicani e da schiavi neri deportati dall’Africa.

  • Economia:

Le attività economiche delle colonie del nord erano l’agricoltura, i commerci, la pesca, e l’industria navale, quelle del centro erano dedite al commercio e all’agricoltura, mentre quelle del sud si basavano sulle grandi piantagioni di tabacco, cotone e riso e impiegavano come mano d’opera gli schiavi neri.


  • Esercitazione:

Completa la tabella sulle caratteristiche delle 13 colonie del Nord America, ricercando le informazioni negli schemi e nel testo che trovi sopra, oppure guarda il video.



  • Quali caratteristiche contraddistinguevano le 13 colonie dalla Gran Bretagna?

La società delle colonie americane era aperta, dinamica (non c’erano nobili e il clero non era organizzato essendoci molte religioni) e godeva di una certa autonomia politica, ma l’organizzazione economica e fiscale dipendeva dalle decisioni della madre patria.

  • Come funzionava il sistema politico delle 13 colonie?

Il Parlamento britannico sovente votava delle leggi che sfruttavano le colonie le quali, non avendo un rappresentante, subivano le imposizioni fiscali senza potersi opporre.

  • Cos’è e come funzionava il monopolio commerciale della Gran Bretagna?

Per esempio la Gran Bretagna imponeva il monopolio commerciale, cioè le colonie potevano commerciale unicamente con la madrepatria e non potevano esportare le proprie materie prime in altri Paesi ed erano obbligate ad importare solo merci provenienti dalla madrepatria a prezzi molto più alti.

  • Quali furono le cause che suscitarono le proteste delle colonie?

I rapporti tra le 13 colonie e la Gran Bretagna divennero tesi quando quest’ultima per far fronte alle spese della Guerra dei sette anni e della riorganizzazione militare dei nuovi territori conquistati, impose nuove tasse ai sudditi d’America come per esempio i dazi (tasse doganali) sullo zucchero, sul caffè e soprattutto sul tè.

  • Che cos’è lo STAMP ACT e a cosa portò?

Una tassa particolarmente odiata fu lo STAMP ACT nel 1765, essa rendeva obbligatorio pagare un bollo su qualsiasi documento scritto (contratti, certificati, giornali, ecc), questa nuova imposizione fece scatenare la contestazione dei coloni che protestarono con il motto: “NO TAXATION WITHOUT RAPRESENTATION”. I coloni  sostenevano che il Parlamento non poteva imporre nessuna tassa, poiché non avevano nessun parlamentare che li rappresentasse.

Per calmare i malcontenti la Gran Bretagna abolì lo STAMP ACT e ridusse le tasse su molti prodotti tranne che sul tè.

  • Che cos’è il BOSTON TEA PARTY e a cosa portò?

La protesta continuò e culminò nel 1773 a Boston quando alcuni patrioti americani travestiti da Indiani gettarono in mare il carico di tè del valore di più di un milione di euro attuali di tre navi della Compagnia delle Indie Orientali.

Questo episodio passò alla storia come il Boston tea party il quale diede inizio alla Rivoluzione americana.